28 aprile 2017

La recensione in anteprima di "Tutte le stelle del cielo", il nuovo romanzo di Angela Contini in libreria dal 4 maggio

Titolo: Tutte le stelle del cielo
Autore: Angela Contini
Editore: Newton Compton
Pagine: 288
Anno di pubblicazione: 2017

Prezzo copertina: 5,90 €


Recensione a cura di Marika Bovenzi

Avete mai letto quei libri in cui le storie, i protagonisti, gli scenari, vi rimangono impressi a tal punto da leggerlo, rileggerlo e sfogliarlo anche distrattamente come se fosse un vostro portafortuna? A me si, e la maggior parte delle volte sono state narrazioni scaturite direttamente dalla penna di un’autrice italiana: sto parlando di Angela Contini che ritorna nelle librerie il 4 maggio, con una nuova, appassionante e –a
tratti- commovente storia.

ana-rosa.tumblr.com
In Tutte le stelle del cielo, la scrittrice abbraccia la stessa ambientazione del volume precedentemente pubblicato con Newton Compton ed intitolato Tutta la pioggia del cielo, ma le vicende, i toni e i bagagli emotivi dei personaggi sono tutt’altra cosa. Tra i bellissimi, suggestivi e fiabeschi paesaggi del Vermont, la Contini ci racconta di un amore sbocciato per caso in giornate sonnacchiose, di una storia che -per dirla alla Stoker del posto- “ha attraversato i laghi del tempo”; di sentimenti che grazie alla loro forza si fanno strada anche nelle situazioni più difficili. Ma come direbbe l’imperatore in Mulan, “il fiore che sboccia nelle avversità è il più raro e il più bello di tutti”, ed è proprio questo ciò che succede a Katherine e Kyle, protagonisti della storia. Non vi aspettate dei personaggi fittizi e artificiosi a cui accade l’impossibile solo per essere eretti a eroi, al contrario, sono così concreti e tangibili da coinvolgere il lettore e spingerlo a immedesimarsi in loro, comprendere le loro scelte, accettare le loro decisioni.

Da un lato troviamo Katherine, una donna che nonostante i mille dispiaceri, una vita fatta di problemi, responsabilità e costanti pressioni, non cede al peso degli obblighi e degli oneri familiari, ma combatte per ottenere una vita migliore per se stessa e per le persone a lei più care. Dall’altro c’è Kyle, un uomo dagli occhi come il cielo e con un’anima distrutta a brandelli per un passato di cui si incolpa ancora. Un passato che ha cancellato i ricordi felici, spingendoli in fondo ad una bottiglia e sostituendoli con sensi di colpa e tristezza. Così, quando all’apice dell’ennesima bravata il signor Hawkins spedisce il figlio a Pretty Creek, nel Vermont, ad aiutare il nonno in un negozio di fiori, per Kyle si apre un baratro di sconforto che può solo alleviare nell’unico pub della cittadina. Peccato che qui lavori Katherine, eco felice degli anni passati, nonché sua nuova vicina di casa invaghita di lui negli anni dell’adolescenza. Visti i precedenti e le loro vite complicate, per entrambi, sarebbe meglio non avvicinarsi e continuare per le loro strade, ma al cuore non si comanda e se i sentimenti sono forti e vividi da sempre, diventa quasi impossibile ignorarsi e non ricordarsi di quelle giornate felici di tanto tempo prima, fatte di primi baci e rossori. Ma anche se è vero che l’amore è la cura ad ogni dolore, allo stesso tempo Katherine non può ignorare i demoni che divorano Kyle spingendolo sempre di più verso uno strapiombo di sofferenza, tortura e amarezza. Tra promesse sussurrate, voglia di cambiare, lettere pregne di cose non dette e delicati fiori, riusciranno i protagonisti ad accettare la vita a cui sono da sempre predestinati?

Angela Contini con il suo inconfondibile stile accattivante e il suo linguaggio diretto e fresco, ci regala una storia toccante e profonda. A mio avviso, attraverso i protagonisti, vuole sottolineare la forza d’animo degli esseri umani, creature fragili e indifese fatte di carne e sangue, ma capaci allo stesso tempo di rialzarsi, ricominciare da capo, vivere e sopravvivere agli eventi più tragici che costellano la vita. Personalmente, ciò che ho apprezzato sopra ogni cosa è la volontà ferrea di Katherine di credere in Kyle e nei sentimenti che li legano.  Un romanzo da leggere, capace di fare breccia nel cuore di ogni lettore.

“Osservo i fiori dall’aspetto esotico. Ma i miei occhi corrono subito dopo nei suoi. Non riesco a non guardarlo, non riesco a smettere di desiderarlo. Cos’è? L’eco di ciò che è stato? La proiezione di sentimenti datati che, come la pellicola di un vecchio film, scorrono sulla facciata della mia anima? O è qualcosa di nuovo e sorprendentemente simile all’amore? Qualunque cosa sia, mi rende debole e felice, spaventata e intrepida. Sono l’ambivalenza fatta persona in questo momento.”

L'AUTRICE
Angela Contini è nata in Germania ma è italianissima. Vive in un piccolo paesino con il marito e il figlio. Ama guardare serie TV, ascoltare musica e preparare dolci. La Newton Compton ha pubblicato Tutta la pioggia del cielo e Tutte le stelle del cielo.

PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...