31 gennaio 2012

Novità: L'ARMADIO DEI VESTITI DIMENTICATI di Riikka Pulkkinen

Titolo: L'armadio dei vestiti dimenticati
Autore: Riikka Pulkkinen
Editore: Garzanti

ISBN: 978881168389-6
Pagine: 312
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 16,40 €


La stanza è invasa dalla polvere e dalla luce. Sono passati anni, ma a casa della nonna Elsa non è cambiato nulla: la bambola, il cavallo a dondolo e poi il vecchio armadio. Ad Anna, sua nipote, basta aprirlo per tornare di colpo bambina, quando insieme alla nonna giocava a vestirsi da grande. Gli abiti ci sono ancora tutti e Anna li riconosce: stoffe che sanno di festa, di ricordi e di risate. Eppure c'è un vestito che la giovane non ricorda: ha la gonna ampia e un nastro alto in vita. Uno stile molto diverso da quello della nonna. Anna lo prova. Basta quel semplice gesto perché il suo mondo cambi per sempre. Quando sua nonna la vede con quell'abito, bella come non mai, capisce che è giunto il momento sfuggito tanto a lungo. Ora che le rimangono pochi giorni di vita, non può più mentire. Lo deve a sé stessa ma anche a sua nipote, deve dirle la verità. Deve confessare a chi appartiene quell'abito, deve pronunciare quel nome taciuto da anni, Eeva. Un nome che Anna non conosce. Il nome di una donna dimenticata nel silenzio, di cui non esistono nemmeno fotografie. Un nome che affonda le radici in un segreto forse incomprensibile. Spetta ad Anna capirlo. Ma per farlo deve tornare indietro a un tempo antico, a una storia di perdono, di tradimento e di bugie. Ma soprattutto alla storia di un amore unico come quello che lega indissolubilmente una madre e una figlia, nel bene e nel male. Un amore in cui tutto, a volte, può essere perdonato. Un romanzo potente, il nuovo fenomeno editoriale dell'anno. Uscito in sordina in Finlandia, ha rapidamente scalato tutte le classifiche, dove è rimasto per molti mesi, consacrando Riikka Pulkkinen come la nuova regina del romanzo nordico e scatenando gli editori di tutto il mondo per l'acquisizione dei diritti. In uscita contemporanea in tutto il globo, sullo sfondo della capricciosa luce del Nord racconta una storia di perdono e amore, di memoria e di colpa, di menzogna e redenzione.  
L'AUTRICE

Riikka Pulkkinen è nata nel 1980 a Tampere, Finlandia.
Il suo romanzo di debutto, Raja, inedito in Italia, è stato accolto come uno dei migliori romanzi finlandesi del 2006. Con L'armadio dei vestiti dimenticati ha raggiunto il grande successo, scalando le classifiche dei bestseller in patria e diventando un'autrice nota e pubblicata in tutto il mondo.

Novità Delos Books

Titolo: Potere selvaggio
Autore: Tanya Huff
Editore: Delos Books
ISBN: 9788865301920
Pagine: 384
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 16,90 €


Il secondo romanzo del ciclo della magica famiglia Gale, iniziato con L'emporio degli incanti pubblicato in questa collana.

I Gale possono cambiare il mondo con i loro incantesimi e amano tenere tutto il potere in famiglia. Alcuni potrebbero descriverli come streghe e stregoni, e questo potrebbe essere esatto. Dopo tutto, nessun può negare che per loro la magia tradizionale funziona, e i loro vicini hanno imparato che non è una buona idea destare le ire dei Gale.
Tuttavia tra i Gale non sempre regna l'armonia. Le zie dominano la famiglia, o almeno credono di farlo, e Charlotte Gale, che è in possesso del Potere Selvaggio, non lo ha mai esercitato perché la sua unica ambizione è quella di suonare in un complesso di Rock Celtico. Charlotte suo malgrado viene coinvolta in una guerra tra la stirpe dei Selkie e una Compagnia petrolifera il cui impianto altererebbe l'equilibrio naturale della regione. Charlotte per evitare il disastro ambientale è costretta a usare il suo Potere Selvaggio, ma non sa che la Compagnia per raggiungere i suoi scopi ha assoldato una zia Gale, anch'essa in possesso del Potere. Per contrastarla, Charlotte dovrà imparare cosa significhi davvero essere una Gale.



Titolo: Il prontuario dello scrittore
Autore: Franco Forte
Editore: Delos Books
ISBN: 9788865301944
Pagine: 228
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 12,00 €


Settima edizione ampliata con nuove schede e nuovi esercizi e consigli pratici

Procedendo a piccoli passi questo libro prende in esame tutti gli aspetti della scrittura, dagli elementi cardine quali la grammatica e la sintassi, fino al traguardo di una perfetta revisione secondo i dettami della tecnica editoriale. Non una bibbia per autori privi di talento e neppure un abbecedario per dilettanti privi di ispirazione e di idee. La tecnica deve essere uno strumento di precisione nelle mani di un chirurgo e suggerire quali mosse devono essere eseguite per ottenere il miglior risultato finale.

Talento, stile e tecnica.
Ecco gli ingredienti della vostra ricetta.
Se saprete dosarli con la dovuta attenzione, ma soprattutto se saprete padroneggiarli, allora potrete diventare degli scrittori. Non necessariamente scrittori professionisti, cioè quella rara categoria di persone che riesce a campare scrivendo, ma almeno buoni scrittori, capaci di esprimere i propri pensieri e le proprie emozioni nella maniera corretta, dando sfogo al proprio talento e cercando consenso tra i lettori.
Talento, stile e tecnica.
Padroneggiare questi tre elementi non è facile, ed è per questo che nasce il libro che avete fra le mani: un manuale agile e veloce, realizzato da un professionista della scrittura a tutto tondo che vi ha riversato tutte le conoscenze, i trucchi e le tecniche appresi in anni di mestiere.
Se il talento è dentro di voi, allora non abbiate timore: imparate la tecnica migliore per dare forza e sostanza al vostro stile e diventare veri scrittori.

L'AUTORE
Franco Forte nasce a Milano nel 1962. Giornalista, traduttore, sceneggiatore, editor delle collane edicola Mondadori (Il Giallo Mondadori, Urania e Segretissimo), ha pubblicato i romanzi Roma in fiamme, I bastioni del coraggio, Carthago, La Compagnia della Morte, Operazione Copernico, Il figlio del cielo, L’orda d’oro – da cui ha tratto per Mediaset uno sceneggiato tv su Gengis Khan –, tutti editi da Mondadori, e La stretta del Pitone e China killer (Mursia e Tropea). Per Mediaset ha scritto la sceneggiatura di un film tv su Giulio Cesare e ha collaborato alle serie “RIS – Delitti imperfetti” e “Distretto di polizia”. Direttore delle riviste Romance Magazine (www.romancemagazine.it) e Writers Magazine Italia (www.writersmagazine.it), ha pubblicato con Delos Books Il prontuario dello scrittore, un manuale di scrittura creativa per esordienti giunto alla settima edizione. Il suo sito è www.franco-forte.it.

Novità: ORCHIDEE NERE di Rex Stout

In libreria da Febbraio

Titolo: Orchidee nere
Autore: Rex Stout
Editore: Beat
ISBN: 9788865590461
Pagine: 224
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 9,00 €

Orchidee nere appare per la prima volta, insieme al racconto Cordialmente invitati a incontrare la morte, nel 1942. Mentre il mondo è sconvolto dal più grande conflitto armato della storia, Rex Stout decide di dilettare i lettori concedendo al suo detective pigro, grasso ed edonista anche un’altra “nobile” manifestazione oltre al suo inguaribile narcisismo: l’invidia. Una dolorosa, insopprimibile invidia che Nero Wolfe nutre per Lewis Hewitt, il milionario cha ha osato creare, e mostrare all’Esposizione floreale, tre magnifiche orchidee nere: il sogno o, meglio, la chimera di ogni floricoltore che si rispetti.
Pur di avere nella sua serra quei fiori preziosi e rari, Wolfe non esita a sfidare l’irruente ispettore Cramer e a mettere nei guai Archie Goodwin,  occultando le prove di un delitto, nascondendo testimoni e decidendo persino di rinchiudersi in una camera a gas...
In Cordialmente invitati a incontrare la morte, invece, è una letale tossina - stufata, ahimé, anche con gustose animelle fresche di maiale - a determinare il triste destino di Bess Huddleston, organizzatrice di eventi, caduta in disgrazia presso i suoi facoltosi clienti.

L'AUTORE

Rex Stout nasce nel 1886 e muore nel 1975 negli Stati Uniti. Sin da piccolo rivela il suo genio: a tre anni ha già letto la Bibbia, a dieci tutti i testi di filosofia, storia, scienza e poesia del padre insegnante. A tredici anni è campione di ortografia del Kansas. Nel 1912 comincia a scrivere per riviste e settimanali. Nel 1934 pubblica Fer-de-Lance, il primo volume delle inchieste di Nero Wolfe. Il successo si ripete regolarmente per tutti i 42 successivi volumi, sfornati pressappoco al ritmo di uno all'anno. Nel 1959 viene premiato con il Mistery Writers of America Grand Master.

Eventi: Carlo Martigli presenta L'ERETICO

CARLO A. MARTIGLI 
presenta 
L’ERETICO 

Ne parlerà con l’autore 
Alessandra Buccheri 

Martedì 7 febbraio 2012, ore 18.00 

Melbookstore
via Nazionale 254 – Roma 




Puoi leggere la recensione qui:

Eventi: Salvatore Natoli e Cristina Palomba presentano Raniero La Valle


Novità Garzanti (in libreria dal 26 Gennaio)

Titolo: Finchè vita non ci separi
Autore: Julia Crouch
Editore: Garzanti
ISBN: 978881168659-0
Pagine: 392
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 18,60 €


Se nel cuore della notte ti telefonasse la tua più cara amica in lacrime, chiedendo aiuto, tu la accoglieresti nella tua casa?

È uno sbaglio, Rose lo sa. Ma non può rifiutare. Lei e Polly sono amiche di sangue, quasi sorelle. Le loro vite sono ormai divise, ma le loro anime sono indissolubilmente unite. Unite per sempre, da un segreto e un silenzio. La telefonata è giunta all'improvviso. Polly, un'ex cantante ribelle, è disperata, ha bisogno di ospitalità. Rose è l'unica in grado di aiutarla. È sempre stato così, fin da piccole. Ma quando si presenta alla porta del cottage, è da subito evidente che Polly non è quello che sembra. Dimostra fin troppo interesse per i vestiti di Rose. Per la sua casa. Le sue figlie. Suo marito. Rose inizia a sospettare che lo scopo di Polly non sia solo quello di essere consolata. Strani incidenti si susseguono. Il vecchio gatto di casa scompare, la figlia piccola di Rose si salva per un soffio da un avvelenamento. Giorno dopo giorno l'inquietudine di Rose cresce, ma nessuno la aiuta, nessuno le crede, nemmeno Gareth, suo marito. Finché una cosa non appare chiara: una volta che Polly è entrata, sarà molto difficile farla andare via. Il castello di certezze di Rose e la sua stessa vita sono in pericolo, ma lei non ha nessuna intenzione di farsele strappare tanto facilmente. Anche a costo di far riemergere la parte più oscura di sé, la parte che da anni nasconde dietro la facciata di madre perfetta e moglie esemplare…


BOOKTRAILER


  
L'AUTRICE

Julia Crouch ha iniziato la carriera come sceneggiatrice e regista teatrale. Finché vita non ci separi, diventato un successo in Inghilterra e in via di pubblicazione nei principali paesi del mondo, è il suo primo romanzo. 


Titolo: Bella tutta! I miei grassi giorni felici
Autore: Elena Guerrini
Editore: Garzanti
ISBN: 978881168403-9
Pagine: 238
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 15,20 €

«Bella tutta! è una storia vera, la mia. Mia, della mia adolescenza e dei miei amori sfigati…
È la storia mia e dei miei chili. Mia e della mia Pancia, con la P maiuscola. Mia e della mia gara con le diete.
Solo dopo aver provato sessantotto diete diverse, contato per anni le calorie di ogni cibo ingerito, letto settanta manuali su come dimagrire per essere felici, ho deciso di essere felice lo stesso, senza dimagrire! Ho smesso di fare diete, non ho più comprato creme miracolose e pillole magiche, non ho fatto digiuni estenuanti seguiti da abbuffate svuotafrigo! E ho buttato quell'infido attrezzo sadomaso che è la bilancia. Un giorno mi sono svegliata e ho deciso che potevo impiegare quei soldi e quel tempo per me. Non soltanto per la mia linea o per combattere la cellulite, ma per me, per la mia persona tutta intera. Non è cambiato il peso, è cambiato lo sguardo.» 



L'AUTRICE
Elena Guerrini è nata e cresciuta in Maremma. Da suo nonno contadino ha imparato i segreti delle piante, e li racconta nello spettacolo Orti insorti. Oltre che autrice e regista, è attrice di teatro e di cinema: ha lavorato con il Teatro Valdoca e Pippo Delbono, Pupi Avati e Alfonso Arau.
Nella sua vita ha provato tutte le diete, ha perso 310 chili e ne ha ripresi 325, grammo più grammo meno: è la storia che racconta in questo libro e nel monologo teatrale che ha lo stesso titolo. 


Altre uscite in edizione economica

Novità Garzanti (in uscita il 19 Gennaio)

Titolo: L'alba dei libri. Quando Venezia ha fatto leggere il mondo
Autore: Alessandro Marzo Magno
Editore: Garzanti
ISBN: 978881168208-0
Pagine: 220
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 22,00 €


Dov'è stato pubblicato il primo Corano in arabo? Il primo Talmud? Il primo libro in armeno, in greco o in cirillico bosniaco? Dove sono stati venduti il primo tascabile e i primi bestseller? La risposta è sempre e soltanto una: a Venezia. Nella grande metropoli europea - perché all'epoca solo Parigi, Venezia e Napoli superavano i 150.000 abitanti - hanno visto la luce anche il primo libro di musica stampato con caratteri mobili, il primo trattato di architettura illustrato, il primo libro di giochi con ipertesto a icone, il primo libro pornografico, i primi trattati di cucina, medicina, arte militare, cosmetica e i trattati geografici che hanno permesso al mondo di conoscere le scoperte di spagnoli e portoghesi al di là dell'Atlantico. Venezia era una multinazionale del libro, con le più grandi tipografie del mondo, in grado di stampare in qualsiasi lingua la metà dei libri pubblicati nell'intera Europa. Committenti stranieri ordinavano volumi in inglese, tedesco, cèco, serbo. Appena pubblicati, venivano diffusi in tutto il mondo. Aldo Manuzio è il genio che inventa la figura dell'editore moderno. Prima di lui gli stampatori erano solo artigiani attenti al guadagno immediato, che riempivano i testi di errori. Manuzio si lancia in progetti a lungo termine e li cura con grande attenzione: pubblica tutti i maggiori classici in greco e in latino, ma usa l'italiano per stampare i libri a maggiore diffusione. Inventa un nuovo carattere a stampa, il corsivo. Importa dal greco al volgare la punteggiatura. 

 L'AUTORE
Alessandro Marzo Magno, veneziano, laureato in Storia veneta all'Università di Venezia, vive e lavora a Milano. È stato per dieci anni caposervizio esteri del settimanale «Diario». Ha pubblicato tra l'altro La guerra dei dieci anni. Jugoslavia 1991-2001 (2001), Venezia degli amanti. L'epopea dell'amore in 11 celebri storie veneziane (2010), Piave. Cronache di un fiume sacro (2010), Atene 1687. Venezia, i turchi e la distruzione del Partenone (2011). 

Titolo: Anche tu fisico. La fisica spiegata - in modo comprensibile - a chi non la sa
Autore: Roberto Vacca
Editore: Garzanti
ISBN: 9788811601494
Pagine: 276
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 16,60 €


Il mondo in cui viviamo non è fatto di macchie colorate che si muovono a caso: grazie al nostro spirito di osservazione e alla nostra esperienza riusciamo a prevedere molto di quello che accade intorno a noi. Tuttavia sappiamo che spesso le nostre intuizioni non corrispondono alla realtà: del resto i popoli primitivi vivevano i fenomeni naturali come manifestazioni di divinità o di mostri imprevedibili e incomprensibili. Nel corso degli ultimi secoli, la scienza ci ha aiutato a capire sempre meglio il linguaggio della natura, "scritta", come ci ha insegnato Galileo Galilei, "in lingua matematica". La scoperta che possiamo capire i fenomeni fisici con i numeri (e che dunque i nostri calcoli devono accordarsi alle osservazioni) è una delle conquiste più straordinarie dell'umanità: ci ha tra l'altro permesso di sviluppare tecnologie che hanno trasformato la nostra vita quotidiana. Roberto Vacca, dopo aver dimostrato a generazioni di italiani che la matematica è facile, ci introduce ora al linguaggio della realtà. Sa che la fisica è una scienza complicata, ma comprensibile: ogni fenomeno fisico obbedisce sempre a un meccanismo che chiunque può capire. Con metodo, e offrendoci gli strumenti intellettuali necessari, "Anche tu fisico" ci guida alla scoperta delle leggi fondamentali della meccanica, della termodinamica, dell'elettricità e dell'elettronica, fino ad arrivare alla teoria della relatività e alla materia oscura... 


L'AUTORE
Roberto Vacca (Roma, 1927), ingegnere, già docente alla facoltà di Ingegneria di Roma e dirigente industriale, consulente nel campo dell'ingegneria dei sistemi (trasporti, energia, comunicazioni), ha realizzato programmi tv di divulgazione scientifica e tecnologica. Autore di numerosi saggi, con Garzanti ha pubblicato Anche tu matematico (prima edizione 1989, edizione ampliata 2008), che da vent'anni è continuamente ristampato, Anche tu fisico (2008), che mira a spiegare come funziona e come cambia il mondo intorno a noi, e Patatrac! (2009), che analizza la crisi di questi anni e prova a indicare qualche via d'uscita.

Eventi: Nelli-Elena Vanzan Marchini racconta il suo libro VENEZIA, LA SALUTE, LA FEDE


PUOI ACQUISTARE IL LIBRO QUI:

Rubrica: L'INTERVISTA (ospite Salvatore Paci) #1


 Amici lettori, come promesso si parte con questa nuova rubrica.
L'ospite di oggi è uno scrittore italiano, stimato in patria e all'estero.
Sto parlando di Salvatore Paci, autore di: Biglietto di andata e ritorno; 2012; La collezionista; e il suo ultimo lavoro Il Codice Moncada.

Ciao Salvatore! Benvenuto nel blog e grazie di aver accettato l’invito! Ti va di presentarti ai lettori? Come nasce la passione per la scrittura?
Grazie per avermi invitato. Per me è sempre un piacere poter parlare di libri; a maggior ragione se sono i miei.
Sono un programmatore che da più di un ventennio lavora presso una pubblica amministrazione e che lo è sempre stato sin dalla nascita. Questa mia forma mentis mi ha permesso di semplificare ogni cosa della mia vita. È stupendo sapere che un grande problema può essere scomposto in tanti piccoli problemi. Detta così, sembra una cosa senza senso ma invece, applicata – per esempio – alla mia attività di scrittore può essere tradotta in “pianificazione della scrittura”. Infatti, non comincio mai un romanzo se non prima di aver messo nero su bianco la sua trama e i singoli passaggi. Virtù? No; necessità. A mio avviso, senza pianificazione non si riuscirà mai a scrivere un buon libro.
Ho cominciato la mia carriera di scrittore con “Biglietto di andata e ritorno”, un thriller presente alla Fiera del libro di Torino nel 2008 e al Salone del libro di Parigi nel 2009. Nel 2009, carico delle soddisfazioni ottenute con la mia opera prima ho pubblicato “2012”, un romanzo d’avventura che sin da subito ho portato negli Stati Uniti, in Spagna e in Ungheria.
Il 2011 ha segnato un ulteriore passo avanti nella mia carriera. A maggio -  al ritorno dalla Fiera del Libro di Torino, dove sono stato ospite di Rai2 nella trasmissione Caterpillar -  è uscito “La collezionista”, un thriller psicologico frutto dei miei studi atipici sulla psiche umana. Una scrittura diversa dalle precedenti; più essenziale, stringata, carica di tensione. Oltre che in Italia, è acquistabile anche in Inghilterra e in Svizzera (in lingua italiana).
Qualche mese dopo (novembre, per la precisione) è stato pubblicato “Il Codice Moncada”, il romanzo che completa la trilogia di Antonio La Mattina.

Parliamo del tuo ultimo romanzo, Il codice Moncada. Di cosa parla?
Si tratta di un romanzo particolare che finora ha affascinato migliaia di lettori perché si tratta di un thriller storico ma , allo stesso tempo, di un romanzo che permea la coscienza umana e che manda un segnale forte ad ogni lettore; un modo nuovo per interpretare la vita e il nostro rapporto con Madre Terra.

Come nasce il personaggio di Antonio La Mattina? C’è qualche riferimento autobiografico?
Antonio La Mattina è il protagonista dei miei romanzi pubblicati con Edizioni Lussografica. Si tratta di un eroe atipico che – addirittura – definirei un antieroe. Come tutti noi, ha le sue paure, le sue indecisioni e, soprattutto, la sua infinita curiosità; quella stessa che lo porterà a diventare – suo malgrado – un detective. Volendo fare un accostamento, Antonio è la mia bella copia; colui che, tra le pagine di un libro, svolge quelle attività interessanti e pericolose che tanto mi appassionano.

Ci parli un po’ anche degli altri romanzi?
“Biglietto di andata e ritorno” è un romanzo nel quale Antonio La Mattina deve distinguere il reale dal metafisico, la verità dalle bugie. Una storia che nasce con un incubo e che per metà si svolge nei cunicoli di Caltanissetta.
“2012” prende spunto dalla profezia relativa al fatidico 21/12/2012 ma non è il solito libro di avventura, né un testo alla “Indiana Jones” ma una storia velocissima che vede Antonio La Mattina alle prese con “il cattivo di turno”, ovvero con chi – per interessi personali – sta facendo di tutto per seminare panico in tutta la terra.
“La Collezionista” è un libro strano. La scrittura non è per niente quella de “Il codice Moncada”, ad esempio. È più stringata. I periodi sono molto brevi e il racconto è stato scritto in prima persona. Il lettore “legge i pensieri di Danny” e sa soltanto ciò che sa lui, e che vede istante per istante.

Caltanissetta, se vogliamo, è protagonista in quasi tutti i tuoi romanzi. Qual è il tuo rapporto con questa città? 

Caltanissetta è la mia città: bellissima, ricca di arte e di cultura, con un grande centro storico barocco circondato da quartieri moderni. È la città che mi ha dato lavoro, famiglia e ispirazione. Non potrei non amarla!
Caltanissetta ha una storia molto interessante. È stata per anni il centro della cultura siciliana. Tanto da essere stata definita “La piccola Atene”. Basta pensare a Pier Maria Rosso di San Secondo, a Michele Tripisciano, a Francesco Biangardi, a Leonardo Sciascia e a tanti altri personaggi illustri.

Che cosa vuol dire per te essere siciliano?
Credo che il carattere di ogni individuo sia influenzato dall’ambiente in cui vive. La Sicilia è una terra calda, piena di colori, circondata da un mare meraviglioso, piena di arte e cultura. E il sole siciliano? Chi non è mai stato in Sicilia non sa cos’è “una giornata di sole” o cos’è un “cielo terso”; ne ha soltanto un’idea.
Essere siciliano significa essere passionale, socievole, estremamente disponibile. Il siciliano è fiero, orgoglioso, forte. Non si fa mettere mai i piedi in faccia da nessuno ma diventa la persona più buona del mondo quando si tratta di aiutare qualcuno.

Sei uno scrittore stimato anche all’estero e i tuoi romanzi sono stati tradotti in diversi paesi. Che differenza c’è, da un punto di vista letterario, tra l’Italia e gli altri paesi? E in riferimento al mondo editoriale?
Nell’era della globalizzazione non c’è più quasi alcuna differenza tra un paese e un altro. Il discorso vale anche per il mondo dell’editoria. Il grande mangia il piccolo, e non farsi mangiare è estremamente difficile.

Qualche domanda da lettore. Qual è il tuo genere preferito? E il tuo scrittore preferito?
Leggo thriller e romanzi storici ma non disdegno gli altri generi, purché si tratti di libri ben scritti. I miei autori preferiti sono il Carlos Ruiz Zafón de “l’ombra del vento” e de “il gioco dell’angelo” (non amo i suoi primissimi libri per ragazzi propinatici oggi soltanto per un fattore di marketing), il Maxime Chattam della “trilogia del male” (non quello di oggi, versione fantasy), il primo Steve Berry, Dean Koontz.

Per il tuo stile ti sei ispirato a qualche scrittore in particolare?
No! Non mi sentirei Salvatore Paci. Credo di avere uno stile tutto mio, con tutto ciò che nel bene e nel male questo comporta.

Cosa pensi della Legge Levi? Favorevole o contrario?
Dico soltanto che rappresenta la morte dell’informazione.

Il tuo prossimo romanzo sarà Il castello della follia. Ci puoi anticipare qualcosa?
Si tratta di un altro psycho-thriller. È ambientato a Gulch Castle, un castello su una delle scogliere scozzesi. Pochi soggetti, molto mistero, molta adrenalina.

Quando è prevista l’uscita?
Al momento c’è soltanto una data presunta: aprile 2012. Ma non si tratta di una data definitiva in quanto ho da valutare diverse proposte da varie case editrici. Se dovessi scegliere un editore diverso da Melino Nerella (www.melinonerella.it) l’uscita slitterebbe a fine anno.

Salvatore grazie mille per avere accettato l’invito. E’ stato un piacere ed un onore ospitarti nel blog.
È stato un piacere. Buon lavoro a voi e buona lettura ai vostri utenti!


L'ULTIMO ROMANZO

Titolo: Il Codice Moncada
Autore: Salvatore Paci
Editore: Edizioni Lussografica
ISBN: 978-8862204477
Anno di pubblicazione: 2011
Prezzo copertina: 15,00 €

Nel 1860 Garibaldi espulse i Padri Gesuiti dalla Sicilia. Si dice che questi si portarono dietro i loro libri più preziosi. Ma andò davvero così? Oggi, Sileno cerca disperatamente un insieme di fogli rilegati, scritti alla fine dell’800 e battezzati “Il Codice Moncada”. Perché? E, se esiste, dov’è nascosto questo codice? Nella biblioteca sotterranea dei Padri Gesuiti o tra i cunicoli che attraversano il sottosuolo della città? Come faceva un bambino di otto anni vissuto nell’800 a conoscere il futuro? E cosa vuol dire “vibrare con Madre Terra”? Ne Il Codice Moncada il lettore respira due arie diverse: quella antica e affascinante di una terra travagliata dalla povertà e dal colera e quella dei giorni nostri, frenetica e ipertecnologica nella quale si muove Antonio La Mattina, determinato nel far luce su un passato che sembra anticipare il futuro. 

PUOI LEGGERE QUALCHE PAGINA QUI

BOOKTRAILER



L'AUTORE
Salvatore Paci vive a Caltanissetta. Scrittore dalla personalità poliedrica, comincia la sua carriera con Biglietto di andata e ritorno, un thriller presente alla Fiera del libro di Torino nel 2008 e al Salone del libro di Parigi nel 2009. Carico del successo della sua opera prima scrive 2012, un romanzo d’avventura che sin da subito approda negli Stati Uniti, in Spagna e in Ungheria.
Raggiunge la sua maturità artistica con La collezionista, un thriller psicologico frutto degli studi atipici dell’autore sulla psiche umana, pagine capaci di sovraccaricare il sistema nervoso del lettore. Questo romanzo è stato definito dalla casa cinematografica inglese Wo-ho!Film nel seguente modo: “un thriller psicologico accattivante, che fa scivolare il lettore in un mondo di ombre insidiose ed inquietanti, forse proprio quelle che vivono in noi e abbiamo paura di incontrare“. 
Il suo sito ufficiale è www.salvatorepaci.com

 
ALTRI LIBRI DELL'AUTORE

30 gennaio 2012

Recensione: A.C.A.B. (2012)

Cellerino figlio di p.....a!!  Con questo ritornello, canticchiato dal bravissimo Pierfrancesco Favino, si apre l'esordio cinematografico di Stefano Sollima, regista apprezzato soprattutto in ambito televisivo. Un esordio brillante e direi importante per il tema trattato. La sceneggiatura è tratta dal romanzo A.C.A.B. di Carlo Bonini, che personalmente non ho letto. Come dicevo le tematiche affrontate in questo film sono diverse e di grandissima attualità. Si parte analizzando la vita, difficile, di un gruppo di poliziotti appartenenti al reparto celere, quindi in prima linea per il mantenimento dell'ordine pubblico durante manifestazioni, partite di calcio, ecc... Non è una passeggiata uscire tutti i giorni per strada e dover ricorrere sistematicamente alla violenza. Questo genera rabbia, tensione, intolleranza e alimenta, inevitabilmente, altra violenza, in una spirale senza fine (volendo usare le parole del film: occhio per occhio).
Sullo sfondo le grandissime problematiche sociali della capitale, utilizzata come icona per rappresentare tutte le città italiane. Problemi legati alla mancata integrazione, alla criminalità, alle difficoltà economiche, alle ideologie politiche, spesso determinanti per certi tipi di approcci. 

Eventi: SAN GIORGIO DI MANTOVA FANTASY

Per tutti gli amanti del genere fantasy vi riporto una notizia molto interessante

COMUNICATO STAMPA

È confermato!
Il più grande festival d’Italia dedicato alla letteratura fantasy ritorna anche nel 2012.
Dopo il grande successo dello scorso anno si rinnova il sodalizio tra il comitato organizzatore del festival, presieduto dallo scrittore mantovano Mauro Fantini, e il Comune di San Giorgio di Mantova.
Quest’anno il divertimento sarà doppio. Le giornate dedicate alla letteratura fantasy saranno due: sabato 9 e domenica 10 giugno 2012.
Il sabato mattina sarà dedicato ai bambini con incontri nelle scuole cittadine e un concorso tutto per loro.
I più grandi non saranno trascurati, ci sarà la premiazione di due importanti premi letterari: il Premio Cittadella e il Premio Magia Urbana Pret-a-porter indetti dall’associazione “Sogni nel cassetto”.
Nel pomeriggio potremmo immergerci tra ospiti scrittori, illustratori di fama internazionale e tanti, tanti libri. Non solo, fantastici oggetti e giochi a tema ci catapulteranno in quell’atmosfera che solo il fantasy è capace di creare.

La domenica il comitato organizzatore ha pensato di portare gli amanti del fantastico direttamente dentro le storie di questi libri parlando di quelli che sono diventati delle trasposizioni cinematografiche. Prima con lo staff del Fantasy Magazine poi incontrando i doppiatori che danno le voci ai protagonisti della serie cult dell’anno Game of Thrones (vera chicca dell’edizione 2012. )

Si parlerà di libri e si sfoglieranno le loro storie per due giorni, lasciandosi trasportare nel mondo fantastico della magia, del mistero, dell’horror, della fantascienza e delle favole per i più piccini.

Presto, molto presto, quando anche gli ultimi ospiti avranno detto sì, verrà reso noto il programma definitivo dei due giorni.

È al momento on line il promo trailer dell’evento da gustare tutto d’un fiato e che vi farà rimanere con l’acquolina in bocca: https://www.facebook.com/photo.php?v=2863268115326

Restate in contatto con noi attraverso il sito: http://www.sangiorgiodimantovafantasy.it

e il gruppo in Facebook https://www.facebook.com/pages/SAN-GIORGIO-DI-MANTOVA-FANTASY/228379707235720

Per tutte le info scrivete al comune di San Giorgio di Mantova oppure a: info@sangiorgiodimantovafantasy.it

Grazie a tutti!

Claudia Tonin
Addetta ufficio stampa

Novità Fazi

Titolo: L'albero del mondo
Autore: Mauro Mazza
 
Editore: Fazi
ISBN: 978-88-6411-297-8
Pagine: 160
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 16,00 €

Nell'ottobre del 1942 il giovane antifascista Giaime Pintor, accompagnato da Elio Vittorini, prese parte a un convegno di scrittori finanziato dal ministro della propaganda hitleriana Joseph Goebbels. Mauro Mazza, intrecciando fiction, filosofia e storia, dà vita a un romanzo che sorprende per la capacità di restituirci la psicologia complessa e modernissima di un grande intellettuale e fa luce su un episodio della vita di Pintor che negli ultimi anni è stato al centro di un acceso dibattito. 

Nel 1943, a soli 24 anni, Giaime Pintor morì in uno dei primi scontri con i tedeschi, diventando uno dei simboli della resistenza italiana. Pochi sanno però che un anno prima, il giovane letterato aveva partecipato, insieme ad Elio Vittorini, al secondo Convegno internazionale degli scrittori organizzato dal Terzo Reich. In quell' autunno, la certezza della vittoria del nazismo lasciò il posto a dubbi e paure. Questo romanzo originale, in cui trova spazio anche la storia del fisico siciliano Ettore Majorana, scomparso nel nulla nel 1938, racconta gli interrogativi di due intellettuali nel mezzo di un'umanità sbandata, confusa, su cui incombono le inquietanti ombre del vicino campo di concentramento di Buchenwald.  

L'AUTORE
 Mauro Mazza è nato a Roma nel 1955. Ha pubblicato un saggio su Giovanni Papini, L’inquietudine di un secolo, e sulla storia della televisione italiana, TV: moglie, amante, compagna. Giornalista dal 1979, ha lavorato al GR1 e al TG1. Dal 2009 è direttore di RAI 1, dopo aver guidato per sette anni il TG2. 

Titolo: Ravensbruck
Autore: Germaine Tillion 
Editore: Fazi
ISBN: 978-88-6411-255-8
Pagine: 360
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 18,00 €

«Germaine Tillion è uno dei personaggi più luminosi del secolo buio che abbiamo appena lasciato. Ha saputo attraversare il male senza mai prendersi per un’incarnazione del bene. Resistente e deportata, combattente per la dignità umana e contro la tortura, scrittrice arguta dei momenti tragici dell’umanità, può aiutarci a vivere meglio l’oggi».
Tzvetan Todorov
 



Resistente della prima ora, denunciata da un prete cattolico, Germaine Tillion viene arrestata nell’agosto del 1942 e in seguito deportata come prigioniera politica nel campo di concentramento di Ravensbrück. In questo libro ricrea il mondo del campo a partire da se stessa, in un connubio tra testimonianza personale e documentazione storica, nella strenua convinzione che si possa sempre verificare e dire la verità. Dalla descrizione oggettiva irrompe di continuo la sua esperienza: l’impatto brutale all’arrivo nel campo – in fila per cinque, le ingiurie e le botte, la difterite e le pulci –, la gratuita crudeltà delle sorveglianti, le giovani donne da lei conosciute poi uccise dagli aguzzini. 

L'AUTRICE 
Germaine Tillion (1907-2008), studiosa francese, etnologa in Algeria, nel 1940 non esita un istante a impegnarsi nella resistenza contro «un nemico totalmente inaccettabile». Arrestata nel 1942, dall’ottobre 1943 all’aprile 1945 è rinchiusa nel campo di concentramento di Ravensbrück, come NN (il blocco “Nacht und Nebel”, i condannati a sparire senza lasciare traccia). Lì perderà la madre. 

Titolo: Vita e morte di Michele Serveto
Autore: Roland Bainton 
Editore: Fazi
ISBN: 978-88-6411-502-3
Pagine: 294
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 18,50 €

Vita e morte di Michele Serveto, scritto da uno dei più prestigiosi storici dell’età moderna, esce in occasione dei cinquecentenario della nascita di Michele Serveto (1511).  

Autore votato allo studio degli “spiriti liberi”, Vita e morte di Michele Serveto è da molti considerato «la pietra di volta nell’arco dell’opera di Bainton». Il caso di Michele Serveto è emblematico: doppiamente perseguitato e due volte condannato al rogo. Per sfuggire all’Inquisizione cattolica, che in sua assenza ne bruciò le opere e l’effige, si rifugiò a Ginevra, dove trovò la morte sul rogo per mano, questa volta, dell’Inquisizione calvinista. Serveto assurse così a simbolo tragico della lotta per la libertà di pensiero. La figura del medico di origini spagnole – cresciuto nell’alveo della chiesa cattolica, affascinato da Erasmo, testimone delle persecuzioni contro ebrei e musulmani in Spagna – viene presentata, infatti, come una sintesi della tensione tra lo spirito della Riforma e quello del Rinascimento, tra il tentativo di restituire all’esistenza umana un senso pienamente religioso, da una parte, e l’antropocentrismo e l’affermazione della libertà, dall’altra. Il merito di Bainton è quello di presentare una biografia di Serveto che non si riduce al ritratto di un eretico, ma scava tra le ragioni (teologiche, biografiche, politiche, culturali) che motivano le sue posizioni e la sua azione riformatrice. 

L'AUTORE
Roland Bainton è stato professore di Storia della Chiesa a Yale University. In prima linea nella difesa della libertà di coscienza, è autore di Lutero (Einaudi 2003), La riforma protestante (Einaudi 2000), La lotta per la libertà religiosa (Il Mulino 1999).  

Eventi: Patrizia Bollo presenta il suo nuovo libro GIOCHIAMO IN CUCINA


Box Office del weekend dal 27/01/2012 al 29/01/2012

http://www.movieplayer.it/film/boxoffice/
Per questo weekend mi dipiace solo per l'assenza del film L'arte di vincere che, a mio avviso, era il migliore della settimana. Tuttavia era ampiamente prevedibile dato che è stato distribuito, e non si capisce bene il perchè, solo in 42 sale.

Recensione: MISSION IMPOSSIBLE - PROTOCOLLO FANTASMA (2011)

USCITA CINEMA: 27/01/2012
REGIA: Brad Bird
SCENEGGIATURA: Josh Appelbaum, André Nemec
ATTORI: Tom Cruise, Jeremy Renner, Léa Seydoux, Josh Holloway, Michael Nyqvist, Simon Pegg, Ving Rhames, Paula Patton, Anil Kapoor, Vladimir Mashkov, Samuli Edelmann, Ilia Volokh, Miraj Grbic, Ivan Shvedoff, Pavel Kríz, April Stewart
FOTOGRAFIA: Robert Elswit
MONTAGGIO: Paul Hirsch
MUSICHE: Michael Giacchino
PRODUZIONE: Bad Robot, Paramount Pictures, Skydance Productions
DISTRIBUZIONE: Universal Pictures
PAESE: USA 2011
GENERE: Azione, Thriller, Avventura
DURATA: 132 Min
FORMATO: Colore 1.44 : 1
SITO: http://it.missionimpossible.com/

TRAMA
In Mission: Impossible 4, accusati dell'attentato terroristico al Cremlino, l'agente operativo dell'IMF Ethan Hunt e l'intera Agenzia vengono sconfessati e il Presidente avvia il Protocollo Fantasma. Senza più risorse e sostegno, Ethan deve trovare il modo per riscattare il nome della propria agenzia e prevenire un altro attacco. A complicare le cose, Ethan è costretto a imbarcarsi in questa missione con una squadra di compagni fuggitivi dell'IMF, dei quali non conosce del tutto le personali motivazioni.

RECENSIONE
E sono quattro! Questa volta è toccato a Brad Bird (Ratatouille, Gli Incredibili, Il gigante di ferro), regista esperto nel campo dell'animazione, dare forma alla nuova avventura di Ethan.
Bird, come prevedibile, sceglie di puntare tutto sull'azione e regala allo spettatore scene di grande impatto e suggestione. Gli effetti speciali rappresentano il vero punto di forza del film, insieme ad una bellissima fotografia (aiutata molto dalle location suggestive dove si muovono frenetici i protagonisti). Da questo punto di vista la pellicola è molto curata e spettacolare.
Senza dimenticare la colonna sonora, vero e proprio marchio di fabbrica della serie.
La cura dell'involucro, naturalmente, è finalizzata a coprire un vuoto di scrittura enorme. La storia è ridotta all'osso e risulta di una banalità sconcertante; il solito rischio nucleare, la solità rivalità America-Russia, il solito terrorista di turno, il solito epilogo. Tutto ampiamente prevedibile dall'inizio alla fine.
Tra l'altro Bird chiede allo spettatore un compromesso fondamentale: credere nell'impossibile. E in questo episodio, posso garantirvelo, l'impossibile raggiunge livelli elevatissimi.

Dunque una rinuncia consapevole alla sceneggiatura per dar spazio alla frenesia, alla velocità, al ritmo serrato (considerate che il film dura due ore ma finisce in un baleno). Il tutto condito con qualche sentimentalismo e una buona dose di ironia.
La prova degli attori è buona, con il solito Tom Cruise a fare da mattatore. Da sottolineare la bellezza di Paula Patton nei panni della sexy agente Jane Carter.

Consigliato? Si per chi cerca un film d'azione fatto veramente bene. No per chi cerca trame più articolate, complesse, riflessive (per questa categoria consiglio La Talpa).

Rubrica: SPAZIO CORTI (Happy Birthday) #1

Amici lettori, come annunciato la settimana scorsa, oggi partiamo con questa nuova rubrica.
In questo spazio verrà presentato, per ogni puntata, un cortometraggio diverso.

Questo primo appuntamento è dedicato a due giovani registi: Roberto Albanesi e Simone Chiesa 
autori di
HAPPY BIRTHDAY

REGIA: Roberto Albanesi, Simone Chiesa
SCENEGGIATURA: Simone Chiesa, Roberto Albanesi
ATTORI: Roberto Albanesi, Luca Zibra, Simone Chiesa, Ylenia Tomella, Dario Bignami, Matteo Bramini, Michele Meazza, Roberto Bravi, Davide Cazzulani
FOTOGRAFIA: Davide Cazzulani
MONTAGGIO: Simone Chiesa
MUSICHE: New Old Story Music
PRODUZIONE: Dario Bignami
DISTRIBUZIONE: New Old Story Film Casalpusterlengo
PAESE: Italia 2011
GENERE: Horror
DURATA: 18 Min
FORMATO: Colore



TRAMA
Una normale festa di compleanno prenderà una bruttissima piega quando, dopo il dolce, arriveranno degli "invitati" non previsti...




Buona Visione!

29 gennaio 2012

Novità: LA CRIPTA di Tom Harper

In libreria dal 2 Febbraio

Titolo: La cripta
Autore: Tom Harper
Editore: Newton Compton 
ISBN: 978-88-541-3538-3

Pagine: 384
Anno di pubblicazione: 2012 
Prezzo copertina: 9,90 €


Otto secoli di inganni nascondono un terribile segreto

La Monsalvat Bank è una banca piccola, riservata e incredibilmente ricca, nel cuore della city londinese.
Quando Ellie Stanton, una ragazza originaria del Galles e fresca di laurea, viene chiamata per un colloquio di lavoro e inaspettatamente assunta, non può credere a ciò che le sta capitando. Lasciati i suoi studi di dottorato, davanti a lei si spalanca all’improvviso un mondo sconosciuto di straordinari privilegi e ricchezza. Ma la banca è molto di più di quello che sembra… Presto Ellie si accorgerà che i suoi datori di lavoro controllano ogni suo movimento e che nei sotterranei della banca, nella cripta medievale sulla quale sorge l’edificio, si nasconde qualcosa: un segreto antichissimo, che da secoli lascia dietro di sé una scia di sangue e morte. Un segreto che, come la ragazza scoprirà presto, si ricollega misteriosamente alla storia della sua stessa famiglia. E per Ellie entrare nella cripta sarà l’inizio di un incubo… 

Puoi leggere qualche pagina  QUI


L'AUTORE

Tom Harper scrittore di fama internazionale, ha vissuto in Germania, Belgio e Stati Uniti prima di stabilirsi in Inghilterra e dedicare la sua vita alla letteratura. I suoi romanzi sono stati tradotti in più di dieci lingue e hanno ottenuto un successo straordinario. La Newton Compton ha pubblicato in Italia anche il romanzo La città dei libri proibiti
Il suo sito è www.tom-harper.co.uk.  

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...